Marmellata di pompelmi rossi e peperoncino

Ingredienti

1 kg di pompelmi rossi già mondati
450 g di zucchero di canna per chilo di frutta già mondata
peperoncino in polvere a piacere
500 ml d’acqua

Preparazione

Sbucciate i pompelmi ben lavati e tenete da parte le bucce senza il bianco di 2 frutti. Mettete il tutto in una casseruola capiente insieme allo zucchero di canna, coprite con un coperchio e lasciate macerare in frigo per circa 6 ore. Aggiungete l’acqua e mettete a cuocere a fuoco moderato per circa un’ora mescolando di tanto in tanto; a metà cottura aggiungete il peperoncino secondo il vostro gusto. Quasi a fine cottura frullate con un mixer a immersione fino ad avere un composto omogeneo.
Invasate come d’abitudine.

Ho cucinato ascoltando Avicenne Jazz Project – Freedom love song

Dolci letture

Sapori forti, decisi, sapori di sfida... così come in "Otello", uno dei capolavori di William Shakespeare. Otello è un musulmano al servizio della repubblica veneta, Otello è definito "moro", termine con il quale l'anglosassone elisabettiano poteva intendere un arabo o un nordafricano, un uomo dalla connotazione fisica decisa, così come il sapore del pompelmo rosso che suscita curiosità al gusto. Nella storia arriva Iago, l'alfiere di Otello assetato di potere che instilla in Otello la gelosia nei confronti dell'amata Desdemona. Il sapore del peperoncino ci spinge, insieme a Otello, nella rete tessuta da Iago e quando assaporiamo appieno tutta la sua forza, quando il peperoncino si è imposto nel nostro palato avvolgendoci sottilmente con le sue spire, per noi non c'è più scampo, come non ce n'è per Otello, ormai accecato al punto da uccidere la persona che amava più al mondo. Il gusto di questa marmellata ci spige ad affrontare una prova di gusto in cui siamo costretti ad affrontare per primi noi stessi, perchè il pompelmo ci incuriosisce e il peperoncino ci avvolge e ci tiene testa... e non sappiamo dove ci porterà il primo assaggio.
Silvia